Wed, 25 November 2020  

Gente

10. La Rondine
(Marco Zappa 1999 - Palau-Sardegna, luglio 1998)


«Io sono Lina, detta la Rondine,
e questa è casa mia!
Andare io?, andare dove?
perché dovrei andar via?


Una piccola stanza, un semplice letto,
un armadio, un gabinetto,
un soffitto di tubi, un po' arrugginiti,
il rumore dell'acqua che va.»


    È l'inquilina del sotterraneo:
    ha scelto di vivere così.
    È l'inquilina del sotterraneo,
    una rondine e il suo nido è qui.

È vero il comune le aveva dato una casa,
ma lei non ci è voluta restare,
questo è il suo nido, ci si è affezionata,
perché se ne dovrebbe andare.

Dei chiodi sulle pareti,
resta la ruggine sui suoi vestiti,
e assieme ai vestiti vi ha appeso il suo cuore
e il cuore, il suo è qui.

    È l'inquilina del sotterraneo:
    ha scelto di vivere così.
    È l'inquilina del sotterraneo
    una rondine e il suo nido è qui.

«Però una passione anch'io ce l'ho,
raccolgo le schede scadute che trovo,
le porto gelosa al mio nido
le nascondo e la gente lo sa.»


La conoscono tutti, e ognuno s'inventa
un pezzo di storia, un pezzo di vita,
di come era bella di com'era fiera
di quanto ogni uomo l'amava.

    È l'inquilina del sotterraneo:
    ha scelto di vivere così.
    È l'inquilina del sotterraneo
    una rondine e il suo nido è qui...
Cover

Previous

Next